Memoria difensiva espulsione consigliera Montella dal M5S

 

  1. 23 luglio 2019 non ho partecipato alla votazione della delibera su ex cinema Metropolitan per documentati motivi ovvero l’interesse pubblico è stato sacrificato da consistenti benefici economici a favore dei soggetti privati (leggi PEC) con un post su facebook è stato diffamato il mio nome dal gruppo M5S di Roma per non aver partecipato alla votazione.
  2. 18 ottobre 2019 sono stata rimossa da due chat consiglieri su telegram dal capogruppo Pacetti e dalla consigliera Bernabei a seguito della non partecipazione al voto in assenza di documentazione a supporto della delibera 79 del 21 ottobre 2019 che poneva in liquidazione la società Roma metropolitane (punto 26 a questo link). A distanza di un anno l’Assemblea Capitolina ha votato un ODG che chiede Impegno per la Sindaca e la Giunta – ad approvare i bilanci della Società Roma Metropolitane ancora sospesi, a mettere in atto tutte le procedure per riportare in bonis l’Azienda; a predisporre un serio piano industriale.
  3. 21 gennaio 2020 a seguito di un articolo apparso sulla testata giornalistica il tempo  durante le votazioni a facilitatore regionale del movimento cinque stelle (leggi risultati) ho chiesto tramite email  al capogruppo una smentita pubblica e ai consiglieri coinvolti a quanto riportato nell’articolo dove si cita che “si è in attesa di una pronuncia da parte del segretario generale circa una richiesta di allontanamento alla sottoscritta notificata pochi giorni fa”.
  4. 18 febbraio 2020 dopo quasi un mese i Consiglieri Capitolini del Gruppo del Movimento 5 Stelle (23 su 26) sottoscrivono una richiesta di una mia esclusione  dal gruppo medesimo (Non corrisponde al vero il fatto che sia stata invitata con mail specifica a partecipare come indicato nel documento);
  5. 19 febbraio 2020 il collegio dei probiviri del M5S (inviato l’atto tramite email  il 20 Feb 2020) dichiara che si è riunito in via telematica il 19 febbraio ed ha aperto un procedimento disciplinare nei miei riguardi (datato in realtà il 4 aprile 2020). Le motivazioni “avvio procedimento disciplinare con atti di comunicazione del 19 febbraio 2020 notificato telematicamente con il quale si prendeva atto del mio allontanamento dal gruppo consiliare M5S riconducibile a ripetute condotte in difformità alle linee di azione politica decise a maggioranza del gruppo, oltre che a ripetute assenze in merito alle votazioni nelle commissioni a cui lei partecipa.” Dichiara che non sono giunte mie memorie difensive. In questo documento il collegio dei probiviri ha dichiarato il falso in quanto il 29 febbraio ho inviato nei temini previsti le mie memorie difensive.
  6. 20 febbraio 2020 ho ricevuto l’apertura del procedimento disciplinare dall’indirizzo mail Collegio Probiviri <collegioprobiviri@movimento5stelle.it> ;
  7. 20 febbraio 2020 il Segretariato generale (destinatario per conoscenza della lettera di cui al punto 4) mi ha invitata ad indicare entro 3 giorni a quale gruppo consiliare intendessi aderire;
  8. 21 febbraio 2020 ho contestato al Segretariato Generale la carenza di presupposti e lo ho diffidato dal dare seguito al mio collocamento nel gruppo Misto in assenza della mia adesione effettiva;
  9. 24 febbraio 2020 convocata la riunione municipale straordinaria su “Espulsione dal consiglio comunale capitolino della consigliera Monica Montella”. Verbale sintetico e mozione.
  10. 26 febbraio 2020 il Segretariato generale (lettera a firma del Dr. Baldino e non del Segretario Generale  nella persona del dott. Mileti) dispone d’ufficio il mio trasferimento al gruppo misto;
  11. 27 febbraio 2020  ho diffidato il Presidente dell’Assemblea Capitolina dal dare seguito a quanto stabilito dal Segretariato Generale;
  12. 28 febbraio 2020 il presidente dell’Assemblea Capitolina, nonostante la lettera di diffida ricevuta in data 27 febbraio 2020, nella riunione della capigruppo del 28 febbraio comunica, come risulta dal verbale della capigruppo, la mia esclusione dal gruppo e rimette le lettere inviate dal segretariato alla valutazione della conferenza dei capigruppo;
  13. 29 febbraio 2020 ho trasmesso al “Collegio Probiviri” all’indirizzo di posta elettronica <collegioprobiviri@movimento5stelle.it>, nei termini previsti, la mia memoria difensiva richiesta;
  14. 3 marzo 2020 il Segretario Generale risponde alla mia richiesta dichiarando che il regolamento disciplina i gruppi limitatamente alla costituzione e composizione sia al momento dell’insediamento dell’Assemblea neo-eletta che nelle fasi successive, quest’ultima affermazione non è contemplata nel regolamento del Comuna di Roma che parla invece di scelta antecedente la prima seduta (se si estende anche a dopo va motivato con una giurisprudenza acquisita), infatti precisamente l’articolo 21 comma 2 stabilisce che “Entro tre giorni dalla prima seduta del Consiglio Comunale ogni Consigliera e Consigliere indica al Presidente del Consiglio il Gruppo del quale intende far parte” e  il comma 7 specifica che “Qualora una Consigliera o un Consigliere decida di revocare l’adesione a un gruppo consiliare, e non aderisca ad altro gruppo, entra a far parte del Gruppo misto”, ma io non ho mai deciso di revocare l’adesione al gruppo del M5S quindi la mia collocazione al gruppo misto è stato un arbitrio istituzionale;
  15. 6 marzo 2020 ho replicato alla risposta del Segretario Generale;
  16. 6 marzo 2020 ho diffidato il capogruppo consigliere Giuliano Pacetti e tutti i capigruppi consiliari capitolini degli altri partiti politici dall’assumere decisioni in merito al mio collocamento nel gruppo misto in assenza di una mia decisione e soprattutto in assenza della fine della procedura di esplulsione da parte del movimento cinque stelle nazionale;
  17. 4 aprile 2020 ho ricevuto il provvedimento disciplinare di espulsione dal collegio dei Probiviri M5S alla mail istituzionale “ISTAT” nonostante avessi chiesto espressamente al collegio di inviarmi ulteriori comunicazioni in merito al procedimento disciplinare a altro indirizzo di posta elettronica montella.monica@gmail.com. Il provvedimento disciplinare del collegio dei Probiviri nel considerato si fa riferimento “a verifiche effettuate su quanto contestatomi” e “che non sono giunte mie memorie difensive” dichiarando il falso poiché invece in data 29 febbraio ho trasmesso nei termini previsti all’indirizzo di posta elettronica “Collegio Probiviri” <collegioprobiviri@movimento5stelle.it>, la memoria difensiva richiesta;
  18. 9 aprile 2020 ho inviato la memoria difensiva al comitato di garanzia contro il provvedimento disciplinare di espulsione da parte del Collegio dei probiviri;
  19. 10 aprile 2020 alla mia collaboratrice Daniela Patrizi, che svolge le funzioni di mia assistente, dipendente capitolina in distacco presso il gruppo capitolino M5S, le è stato chiesto di inviare una comunicazione di posta elettronica con la quale comunica la sua volontà e il desiderio di continuare a prestare l’attività lavorativa presso la segreteria del Gruppo Movimento 5 Stelle e ho inviato un messaggio di risposta di posta elettronica al capogruppo del M5S Pacetti evidenziando che se avesse disposto il trasferimento della Dott.ssa Patrizi ad altro incarico all’interno del gruppo Movimento 5 Stelle se ne sarebbe assunto tutta la responsabilità in quanto avrebbe ostacolato l’espletamento del mia mandato elettivo della funzione di consigliera e quindi, con tutte le conseguenze che ne avrebbero potuto derivare;
  20. 10 aprile 2020 il Direttore Gherardi indirizza al capo del gruppo Misto consigliera capitolina Cristina Grancio, (dichiarando il falso) di una mia adesione al gruppo misto, una nota di richiesta di composizione dei componenti del gruppo misto nelle commissioni capitoline permanenti;
  21. 10 aprile 2020 con invio Pec ho chiesto al capogruppo del misto Cristina Grancio di non dare seguito a quanto richiesto dal direttore Gherardi in quanto la mia assegnazione al gruppo misto da parte del direttore è stata del tutto arbitraria;
  22. 14 aprile 2020 la capogruppo del gruppo Misto Cristina Grancio comunica l’impossibilità di soddisfare alla richiesta pervenuta dal direttore in quanto la consigliera Montella ha dichiarato di non aver mai aderito al gruppo Misto;
  23. 3 aprile 2020 ho ricevuto dall’assessore al bilancio Lemmetti la risposta alla interrogazione n° 131 mettendomi nella nota (senza data e protocollo)  tra i destinatari con appartenenza della stessa al gruppo misto, addirittura prima della data del 4 aprile della delibera del provvedimento dei proibiviri. Nella risposta all’assessore Lemmetti ho precisato che non ho mai aderito al gruppo misto.
  24. 20 aprile 2020  il presidente De Vito dichiara  (come risulta dal verbale della conferenza dei presidenti dei gruppi capitolini) nella riunione dei capigruppo in videoconferenza che la conferenza dei capigruppo ha preso atto del passaggio della consigliera Montella dal Gruppo del M5S al gruppo misto con il voto favorevole del movimento cinque stelle e l’astensione degli altri gruppi precisamente è riportato “Il Presidente De Vito apre la Conferenza dei Presidenti dei Gruppi Capitolini in videoconferenza e dichiara: “Comunico all’Assemblea dei Capigruppo, che nella riunione della Capigruppo del 28 febbraio u.s., la Conferenza ha preso atto del passaggio della consigliera Montella dal Gruppo M5S al Gruppo Misto, con il voto favorevole del Movimento 5 Stelle e l’astensione degli altri Gruppi. Vi informo, altresi, che il Presidente Pacetti con nota prot. RQ/6453 del 10 aprile u.s. ha comunicato che nei confronti della consigliera Montella è intervenuta anche l’espulsione dall’associazione e forza Movimento 5 Stelle, comminata dai probiviri di tale formazione politica.” Senza attendere l’esito del provvedimento da parte del comitato di garanzia.
  25. 23 aprile 2020 nella fase procedurale della interrogazione n°162 sia il Gabinetto della Sindaca che il Segretariato Generale hanno considerato tra i destinatari la mia ormai “deportata” appartenenza al gruppo misto nonostante non avessi mai aderito al gruppo misto.
  26. 25 aprile 2020 invio email al Comitato di garanzia, su sollecito del facilitatore regionale Silvestri, ad integrare la mia memoria difensiva inviata il 9 aprile visto che il comitato di garanzia non si era ancora espresso, senza rispettare i temini prescritti.
  27. 27 aprile 2020 con una PEC ho chiesto di rimuovere il mio cognome riportato nell’ODG n° 17 del 2020 nella mozione n°153 a firma del consigliere De Priamo.
  28. 29 aprile 2020 il Presidente De Vito dichiara nella riunione dei presidenti dei gruppi capitolini ” prima dell’inizio della riunione della Cabina di Regia ritiene opportuno chiarire la questione della Consigliera Montella, sulla quale si è già pronunciata la Capigruppo. Informa di aver ricevuto, il 26 febbraio 2020, una nota del Segretario Generale acquisita con protocollo RQ/3669, a firma dell’allora Direttore Baldino, in cui si afferma che, a norma del Regolamento del Consiglio Comunale, la Consigliera fa parte del Gruppo Misto, salvo diversa valutazione della Conferenza dei Presidenti dei Gruppi medesimi, nel cui ambito, nel caso, occorrerà valutare la collocazione. Il 28 febbraio ha chiesto il pronunciamento della Conferenza dei Presidenti dei Gruppi che si è pronunciata in maniera maggioritaria, e l’ha nuovamente chiesto dopo che il consigliere Pacetti lo ha informato che la consigliera Montella era stata espulsa (ma solo dal collegio dei proibiviri) anche dal gruppo del Movimento 5 stelle. Invita a considerare che lo statuto dell’associazione Movimento cinque Stelle, reperibile online, al suo articolo 11 prevede che la fuoriuscita dal gruppo comporti l’espulsione dall’associazione, ma anche che l’espulsione dall’associazione comporta la fuoriuscita dal gruppo di riferimento. Ha pertanto ricostruito la vicenda per l’opportuna chiarezza“.
  29. 1 maggio 2020 con email ricevuta dal “Collegio dei Probiviri” si allega la delibera di provvedimento sulla consigliera Monica Montella – errata corrige – confermando la mia espulsione dal movimento e nell’atto il collegio non ha neanche cambiato la data, poichè i termini sarebbero scaduti. La gravità dell’atto del collegio dei proibiviri è stata quella di aver fatto credere attraverso la delibera che la decisione di non ritenere validi i motivi sia stata presa il 4 aprile e non successivamente quando gli è stato fatto notare il falso nell’atto. E l’errata corrige arriva dopo un mese. Nella delibera si rettifica che “considerato che sono giunte memorie difensive le quali non sono state considerate sufficienti a giustificare la condotta” è confermata l’espulsione.
  30. 2 maggio 2020 con PEC chiedo l’accesso agli atti al Segretariato Generale di tutta la documentazione che riguarda il mio caso.
  31. 6 maggio 2020 invio email al Comitato di garanzia ad integrazione della memoria difensiva inviata il 25 aprile 2020 confermando quanto già trasmesso al Comitato di Garanzia in data 9 aprile e successivamente integrato in data 25 aprile e ho chiesto al Comitato di acquisire il verbale della riunione dei Probiviri in cui è stata deliberata la mia espulsione al fine di verificare la NON regolarità di tutto il procedimento in corso.
  32. 7 maggio 2020 la consigliera Guadagno chiede al Direttore Gherardi qual’è la mia posizione politica all’interno della commissione.
  33. 8 maggio 2020  Il consigliere De Priamo chiede a quale gruppo politico faccia parte la consigliera Montella, il Presidente De Vito risponde “che la consigliera Montella è componente del gruppo misto dopo la nota del segretariato del 20 febbraio 2020 e di un’altra del 26 febbraio 2020; con quest’ultima il segretariato nel considerare la consigliera nel gruppo Misto rimetteva ad una valutazione della Presidenza e della Capigruppo la decisione finale. Questa verifica si è svolta nella capigruppo del 28 febbraio 2020; mentre nella capigruppo del 20 aprile 2020 il capogruppo Pacetti ha comunicato che era sopravvenuta anche l’espulsione della consigliera Montella dall’associazione Movimento 5 stelle” (dichiarando il falso poichè il comitato di garanzia del M5S fino alla data del 27 gennaio 2021 ancora non si era espresso). “Il capogruppo Pacetti chiede se è possibile inviare, come presidenza dell’Assemblea Capitolina, a tutte le commissioni la nota del passaggio della consigliera Montella al gruppo misto, in modo che le commissioni abbiano la possibilità di aggiornare i moduli di presenza“.
  34. 11 maggio 2020 la mia collaboratrice dichiara di aver ricevuto una nota da parte del direttore Gherardi dell’ 8 maggio sulla sua assegnazione alla segreteria del gruppo M5S e che non avrebbe più potuto lavorare per me (io non ho mai ricevuto detta nota al riguardo).
  35. 14 maggio 2020 il segretario generale invia una nota di chiarimento in risposta alla mia lettera prot. n. RQ/4418 del 6 marzo scorso dall’oggetto “Esclusione dal gruppo capitolino movimento cinque stelle”.
  36. Il 27 gennaio 2021 è stato deciso dal capo politico Vito Crimi di respingere il mio reclamo confermando il provvedimento di espulsione disposto dal Collegio dei probiviri con delibera del 4 aprile 2020.

 



La riproduzione di questo articolo è autorizzata a condizione che sia citata la fonte: http://www.monicamontella.it/
Print Friendly, PDF & Email

Google+ Comments